Vincitori “Concorso letterario “geltOUb”

copertina-geltoubOubliette

Vincitori “Concorso letterario “geltOUb”

La giuria, composta da Giuseppa Sicura, Carlo Onnis, Giuseppe Carta e Bianca Mannu ha finalmente decretato i vincitori!

Ricordando che il tema era libero per entrambe le sezioni,

e che sarebbe stato particolarmente gradito

il senso del rovesciamento, il colore della possibilità, l’abbandono delle sofferenze e la propensione  alla novità,

dopo aver ringraziato primo fra tutti la web magazine –Oubliette Magazine–  che ci ha offerto un supporto determinante, ci piace ricordare le tante persone che hanno ruotato attorno al concorso, rendendolo fresco, passionale e vivo.

Per la sezione -B- poesia c’è stata una bagarre all’ultima parola, e anche se non sono riuscite a vincere è doveroso segnalare: (per aver preso almeno un 10\10 almeno da un giurato)

-Allie Walker                   con “OSTINAZIONE”

-Maria Antonietta Milia   con “LA MIA TELA BIANCA”

-Urania Scarpa              con “Dentro di te”

 

mentre per la sezione -A- short story si è dovuto ricorrere all’ex aequo.

 

A vincere una copia ciascuno dell’ultima silloge poetica di Giuseppe Carta, “geltOUb” 

che nasce dal rovesciamento, dalla decisione di ampliare il senso, dalla necessità umana di osservare la vita e l’amore da prospettive più universali e meno egoistiche. Per rendere valore al presente, per smussare i troppo appuntiti spigoli che non ci permettono di dissetarci dalla fonte del dialogo, preziosa sorgente di comprensione e compassione con quest’epoca, incomprensibilmente positiva.

https://giuseppecartablog.wordpress.com/2014/05/26/geltoub-e-arrivato-terza-silloge-poetica-di-giuseppe-carta-la-rivoluzione

Bando alle ciance:

I VINCITORI DEL CONCORSO LETTERARIO geltOUb sono:

Sezione -A- 

Ex aequo:

-Mariposa Han

Enrico Scano

Sezione -B-

Sandro Bozzolo in arte “Baltic men

Complimenti!

Ecco le opere Vincitrici:

Sezione -A-

———————————————————-

Mariposa Han                           Titolo: IL LIBRO”

Seduta nel mio divano leggo un libro poco entusiasmante, come del resto la mia vita, ma all’improvviso, emana una piccola scossa, le lettere si muovono in modo caotico e creano a poco a poco nuove parole e frasi. Guardo la copertina e il titolo svanisce sotto i miei occhi, cambia anche il colore, da grigio scuro ad un rosso sgargiante, sono confusa e spaventata, penso: Forse ho la febbre?

Le mani tremano, il libro cade sul pavimento, lo raccolgo, ma riaprendolo trovo scritto nella prima pagina RICOMINCIA.

Ora si che sono spaventatissima! Ma la curiosità prende il sopravvento, faccio dei respiri profondi, bevo dell’acqua e dico a me stessa: Fatti coraggio e leggi.

Il nuovo racconto mi cattura, lo leggo tutto d’un fiato, parla di me, Laura, della mia vita non com’è sempre stata, ma come sarà da adesso in poi.

Da quel giorno io, il libro e la mia vita, siamo una cosa sola, ossia, la personificazione della felicità.

————————————————————————-

Enrico M. Scano                        Titolo: IL BIANCO E IL NERO

Da un po’ non riusciva più a distinguere il bianco dal nero. Da bambino gli avevano insegnato che che tutto ha il suo opposto. Ci sono la vita e la morte, la destra e la sinistra, il bene e il male. C’è la luce del giorno e il buio della notte e ci sono le cose bianche e le cose nere. Ma da qualche tempo gli capitava con sempre maggior frequenza di scambiare corvi per candide colombe, tori inferociti per placidi vitelli e prendere per smaglianti sorrisi delle putride bocche. No, non era diventato daltonico. Ma le cose non erano così semplici come volevano fargli credere: il mondo era più complicato di così. Aveva compreso che non ci sono cose bianche o cose nere. Semplicemente bianco e nero coesistono. C’è il buio anche dove c’è la luce. Glielo aveva detto anche il suo medico di fiducia: “Dia retta a me, impari a cogliere le sfumature”.

————————————————————————————–

Sezione -B- 

Sandro Bozzolo in arte Baltic men      

Titolo: [Quel che accade in un momento potrebbe non accadere mai]

Nel caso in cui un mondo a luci gialle si impadronisse di te

e le dominanti del colore

non ammettessero altra verità

se non quella del sogno

[un sogno in cui ti ritroverai a leggere libri in lingua straniera

a una bambina rapita dalle immagini]

tu

lascia accadere le cose che accadono

concedi alla sorpresa di sorprenderti

anche quando tutto sembra evidentemente

una truffa organizzata.

Ti ritroverai a vagare in un mondo a luci gialle

in cui le dominanti del colore

non ammettono altra verità.

Delirio incandescente raffreddato nella neve.

La serratura di una porta che non apre

e che per lo stesso principio

non potrà chiudersi più.

La verità galleggia sospesa in un mondo a luci gialle

e si condensa in una certezza fatta a forma di chissà.

E tu

che fino a ieri ne eri escuso

ti ritrovi a chiederti com’era possibile

che fosse impossibile

tutto questo.

Fine.

geltOUb e Ferragosto  (1)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...