Le recensioni di Giuseppe Carta: Atomi Sparsi di Mara Consoli

La silloge “Atomi Sparsi” di Mara Consoli   Per partire con la lettura, bisognerà eliminare la coscienza acquisita, lasciarsi scivolare nel trambusto emotivo che questo viaggio interiore potrà provocare. Allacciate le cinture si sarà pronti al decollo. Per i timorosi d’avventura è necessaria un’avvertenza: l’universalità dei rapporti sarà scossa da una decisa fermezza, che narrerà di ardenti scorribande da una galassia all’altra. I possibili turbamenti … Continua a leggere Le recensioni di Giuseppe Carta: Atomi Sparsi di Mara Consoli

Le recensioni di giuseppe carta: Lisa Frassi e il suo libro Bianca Vertigo

-Pronto Lisa! Ho pronta la recensione del tuo libro BIANCA VERTIGO!  -Ciao Giuseppe, come va? -La recensione, in verità l’avevo scritta già quando sono arrivato a pagina 92. -Mi stai dicendo che hai letto solo un terzo del libro? -Nel mentre che leggevo, ho cominciato a scriverla, non volevo rischiare di dimenticare le sensazioni che hai saputo trasmettere. Sei veramente brava, ogni storia che racconti … Continua a leggere Le recensioni di giuseppe carta: Lisa Frassi e il suo libro Bianca Vertigo

“Nodas. Launeddas in tempus de crisi” di Andrea Mura ed Umberto Cao- Le recensioni di giuseppe carta

Quando le canne festeggiano il vento di cambiamento, non c’è sottofondo armonico più propizio e inconfondibile di quello delle launeddas. I musicisti Massimo Congiu, Michele Deiana, Graziano Montisci, Gianluca Piras e Luca Schirru, con le proprie famiglie di “nodas” narrano di ruote che girano, di petali e fiori che colorano le strade, di un futuro e di una natura sgargiante che riesce a conquistare anche … Continua a leggere “Nodas. Launeddas in tempus de crisi” di Andrea Mura ed Umberto Cao- Le recensioni di giuseppe carta

Onde rod di Mario Pischedda – Le recensioni di giuseppe carta

Dopo esserci imbarcati ONDE ROD, senza l’aiuto di una Travelgum, la visuale si capovolge. Tornare ad essere bambini è l’imperativo. Ciò che si è vissuto fino ad un secondo prima è ormai troppo remoto, non ci si può permettere di rimanere vincolati ai vecchi punti di riferimento. Se si è in ballo, tanto vale ballare, in tutto 71 minuti per dirla alla Ghezzi. Al “Trigu” … Continua a leggere Onde rod di Mario Pischedda – Le recensioni di giuseppe carta