La poesia del raffreddore


La poesia del raffreddore La poesia del raffreddore ricorda di godere quando si sta bene. Bruciando occhi velati di lacrime riscaldate si comprendono possibilità difficilmente sfruttabili, semi che ci hanno fatto crescere, innaffiato, e potato. Nell’incubo dell’addio, pensare a loro e tracimare acqua scovando l’unica vera paura. Approfittare delle prossime opportunità per amare. Continua a leggere La poesia del raffreddore

Tornare forti


–Tornare forti– Continuare la fuga, oppure fermarsi respirare con cura ascoltarsi davvero? Accettare piccoli sorrisi fugaci, oppure puntare dritti verso i sogni e rischiare di avverarli? Focalizzare un destino (che è destinazione), o aspettare che le macerie costruiscano una villa con piscina da cui ammirare il tramonto della vita? Spegnendo il brusio e aprendo la finestra, il Sole non è più solo. Sollevando le palpebre … Continua a leggere Tornare forti

Intervistando Giuseppe Carta di Ilaria Militello | espressionelibri


Intervistando Giuseppe Carta di Ilaria Militello | espressionelibri. Intervistiamo oggi per il blog un bravissimo poeta. Il suo nome è Giuseppe Carta. Conosciamolo Benvenuto. Parla di te ai nostri lettori, chi è Giuseppe? Innanzitutto grazie per il bravissimo! Parlare di Giuseppe è troppo lungo e complicato anche per me. Cercherò di farlo scrivendo e interpretando le sensazioni che la realtà mi trasmettono. Comunque sono solare, … Continua a leggere Intervistando Giuseppe Carta di Ilaria Militello | espressionelibri

Esmeralda Nardi e “Visioni dal periscopio emozionale”


Nella vita può capitare di fare incontri emozionanti. Il mio è stato in una caffetteria di Cagliari, dove ho trovato un tavolino “apparecchiato” con dei libri. Incuriosita, mi sono avvicinata al banchetto, e l’attenzione è stata subito catturata da quello con la copertina bianca: “Visioni dal periscopio emozionale“ di Giuseppe Carta. Per mia indole, decido di non fermarmi all’esteriorità di una lucente e colorata copertina, … Continua a leggere Esmeralda Nardi e “Visioni dal periscopio emozionale”

Giuseppe Carta e “Visioni dal periscopio emozionale”: recensione Bianca Mannu


Dirò semplicemente come ho incontrato Giuseppe. Parlo dell’incontro con la sua parola, quella che noi epigoni dei chierici, con animo incurante, chiamiamo poesia. All’inizio il contatto si è prodotto per effetto di un timbro di voce forte, senza enfasi, assertivo.            Ho avvertito una sorta di impeto giovanile che tradiva un fremito di insicurezza sottostante.            Ogni significato verbale mi sgusciava; è scivolato via come il nome … Continua a leggere Giuseppe Carta e “Visioni dal periscopio emozionale”: recensione Bianca Mannu