Martina Lorai Meli vince il Contest double-face del SANTANDER CI SALVERÀ


-La libertà è pericolosa, come riuscire a non fuggirla?-

Il Contest letterario gratuito –SANTANDER CI SALVERÀ– è promosso dall’associazione culturale “Meris in Domu” e dal centro culturale NAI.

29138618_1669175726494920_616429751_n

“Se non si ha il coraggio di violare le proprie regole,

al compito della vita è meglio non giocarci.”

da

LA MORALE DI SANTANDER“ il Romanzo non Romanzo di Giuseppe Carta, nato per offrire spiragli.  La stratificata trama dovrà essere sezionata dai sospiri e dai respiri necessari alla sua decifrazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è autori-in-evoluzione.png

Quando la realtà rimanda specchietti per le allodole.

Quando scrivere è una divertente scoperta anche per l’autore.

Quando il colore delle parole solidifica mondi fantastici.

Quando il lettore è soddisfatto d’essersi perso.

Quando la rivelazione è depositata nel futuro.

Quando la felicità è l’unica possibilità d’uscita.

Quando il punto finale diventa un inizio.


Il tema era libero. La giuria ha particolarmente gradito le intemperanze stilisticheilclamore evolutivo dettato dalla propria manifestazione vitalel’intrinseca e folle missiva da realizzare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alloro2.jpg

Il Contest è stato un emozionante incontro tra autori che dedicano la propria arte al comune Divenire. Riconosciuta l’evoluzione individuale, la mira emozionale si è sbizzarrita verso la lode dell’Opera altrui, ingrediente che consacra lo spirito di gruppo, fondamentale quando si ha una missione poetica da compiere.

Tutte le opere in Contest QUI

I finalisti QUI

CONTEST DOUBLE FACE

La capacità di immergersi e fruire delle Opere in Contest, raccontando in lirica compassione la propria esperienza di lettura. Vince Martina Lorai Meli, alla grande!

Martina Lorai Meli commenta l’opera di Sandra de Felice!

“Il mare contiene in sé la forza generatrice dell’acqua e la forza creatrice delle onde. Capace di assorbire ed erodere ogni cosa fino ad ingoiarla, sa al contempo disegnare profili inimmaginabili anche nella roccia più dura. Eppure ha in sè la carezza delicata di una madre, l’abbraccio avvolgente e rassicurante di un padre, pur nella sua immensa forza. Ogni passo accompagnato dallo scialacquio delle onde è pura affermazione della propria esistenza, contatto con l’io più profondo e vero e inestinguibile. Il mare ci ricarica, assorbe i nostri dolori e li manipola per restituirceli preziosi come perle d’ostrica. Il mare è lì, sempre diverso ma sempre sè stesso. Lì come una calamita che tutto prende e tutto rende, libero e inafferrabile come la vita e il suo mistero. Ho passeggiato con te ad osservare il mare fra le tue parole e mi ha assalito una profonda nostalgia, la voglia di sentire quel vento e il profumo della salsedine. Grazie infinite!”

Il caso editore1

Inserisci QUI sotto

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.