anticipWAR: Le bugie sulla seconda guerra mondiale


Le bugie sulla seconda guerra mondiale

 
PAUL CRAIG ROBERTS 
Sa Defenza 

Seconda guerra mondiale: la base della nostra era
Lo storico David Irving ha dedicato la sua vita a scoprire la verità sulla seconda guerra mondiale per renderla pubblica. All’inizio della sua carriera, era famoso per i suoi lavori su Hitler e Churchill. Ma da quando ha messo in discussione la storia convenzionale dell’Olocausto, è divenuto persona non gradita. È ora di vedere com’è realmente la storia vera scevra dalle ideologie e sensibilità di parte.

 
*****
 
All’indomani di una guerra, la storia non può essere scritta. La parte perdente non ha nessuno con cui parlare. Gli storici sul lato vincente sono costretti da anni di propaganda bellica che demonizza il nemico mentre oscura i crimini dei giusti vincitori. Le persone vogliono divertirsi e sentirsi bene con la loro vittoria,non vogliono sapere che la loro parte è la responsabile della guerra o che la guerra avrebbe potuto essere evitata tranne che per le agende nascoste dei loro stessi leader. Gli storici sono anche vincolati dall’indisponibilità delle informazioni. Per nascondere errori, corruzione e crimini, i governi bloccano i documenti per decenni. 
 
Le memorie dei partecipanti non sono ancora state scritte. I diari sono persi o trattenuti per paura di ritorsioni. È costoso e richiede tempo per localizzare i testimoni, specialmente quelli sul lato perdente, e convincerli a rispondere alle domande. Qualsiasi racconto che sfida il “racconto felice” richiede una grande quantità di conferme da documenti ufficiali, interviste, lettere, diari e memorie, e anche questo non sarà sufficiente. 

Per la storia della Seconda Guerra Mondiale in Europa, questi documenti possono essere diffusi dalla Nuova Zelanda e dall’Australia attraverso il Canada e gli Stati Uniti attraverso la Gran Bretagna e l’Europa e in Russia. Uno storico sulla traccia della verità affronta lunghi anni di intense ricerche e sviluppi sull’acume per giudicare e assimilare le prove che scopre in un quadro veritiero di ciò che è accaduto. La verità è sempre immensamente diversa dalla propaganda di guerra del vincitore
Come ho riferito di recente, Harry Elmer Barnes è stato il primo storico americano a fornire una testimonianza della prima guerra mondiale basata su fonti primarie. Il suo resoconto sincero differiva in modo così sostanziale dalla propaganda di guerra da aver richiamato ogni nome nel libro. 

David Irving
La verità è raramente benvenutaDavid Irving, senza dubbio il miglior storico della parte europea della seconda guerra mondiale, ha imparato, con le sue grandi spese, che sfidare i miti non rimane impunito. Tuttavia, Irving perseverò. Se vuoi sfuggire alle bugie sulla seconda guerra mondiale che dirigono ancora il nostro disastroso corso, devi solo studiare due libri di David IrvingHitler’s War e il primo volume della sua biografia di Churchill , Churchill’s War: The Struggle for Power.
 
 
Irving è lo storico che ha trascorso decenni a rintracciare diari, sopravvissuti e ha richiesto il rilascio di documenti ufficiali. È lo storico che ha trovato il diario di Rommel e i diari di Goebbles, lo storico che ha ottenuto l’ingresso negli archivi sovietici, e così via. Ha familiarità con fatti reali sulla seconda guerra mondiale rispetto al resto degli storici messi insieme. Il famoso storico militare britannico, Sir John Keegan, scrisse nelTimes Literary Supplement : “Due libri si distinguono dalla vasta letteratura della seconda guerra mondiale: The Struggle for Europe di Chester Wilmot , pubblicato nel 1952, e Hitler’s War di David Irving .
Nonostante i molti riconoscimenti, oggi Irving è demonizzato nel pubblicare i suoi libri.

Eviterò la storia di come è stato, ma, sì, hai indovinato, erano i sionisti. Semplicemente non puoi dire nulla che alteri la loro immagine propagandistica della storia.

Nel seguito, presenterò la mia impressione leggendo queste due opere magistrali. Irving stesso è molto scarso sulle opinioni. Fornisce solo i fatti di documenti ufficiali, intercettazioni registrate, diari, lettere e interviste.

La seconda guerra mondiale fu la guerra di Churchill, non la guerra di Hitler. Irving fornisce fatti documentati dai quali il lettore non può evitare questa conclusione. Churchill prese la sua guerra, per la quale desiderava ardentemente, a causa del trattato di Versailles che spodestò la Germania dal territorio tedesco e impose umiliazioni ingiuste e irresponsabili alla Germania.

Hitler e la Germania nazional-socialista (nazista sta per il Partito Operaio Nazional-Socialista) sono le entità più demonizzate della storia. Qualsiasi persona che trova qualcosa di buono in Hitler o in Germania viene immediatamente demonizzata. La persona diventa un emarginato indipendentemente dai fatti. Irving ne è consapevole. Ogni volta che il suo resoconto fattuale di Hitler inizia a mostrare una persona molto diversa dall’immagine demonizzata, Irving getta  un linguaggio negativo su Hitler.

Allo stesso modo per Winston Churchill. Ogni volta che il racconto di Irving mostra una persona completamente diversa dall’icona adorata, Irving getta in un linguaggio riconoscente.

Questo è ciò che uno storico deve fare per sopravvivere dicendo la verità.
Per essere chiari, su quanto segue, sto semplicemente riportando ciò che mi sembrano essere le conclusione dai fatti documentati presentati in queste due opere di studio. Sto semplicemente riportando quello che ho capito della ricerca stabilita da Irving. Leggi i libri e arrivi alla tua conclusione.

La seconda guerra mondiale fu iniziata dalla dichiarazione di guerra britannica e francese contro la Germania, non da un blitzkrieg di sorpresa dalla Germania. La completa disfatta e il collasso degli eserciti britannico e francese fu il risultato della dichiarazione di una guerra per la quale la Gran Bretagnaera impreparata a combattere e degli sciocchi francesi intrappolati da un trattato con gli inglesi, che, rapidamente abbandonarono il loro alleato francese, lasciando la Francia alla misericordia dellaGermania.

La pietà della Germania era notevole. Hitler lasciò una larga parte della Francia e le colonie francesi non occupate e al sicuro dalla guerra sotto un governo semi-indipendente sotto Petain. Per il suo servizio nel proteggere una parvenza di indipendenza francese, Petain fu condannato a morte da Charles de Gaulle, dopo la guerra per la collaborazione con la Germania, una carica ingiusta.

In Gran Bretagna, Churchill era escluso dal potere. Immaginava che una guerra lo avrebbe riportato al potere. Nessun Britannico potrebbe eguagliare la retorica e le orazioni di Churchill. O determinazione. Churchill desiderava il potere, e voleva riprodurre le incredibili imprese militari del suo illustre antenato, il Duca di Marlborough, la cui biografia scritta da Churchill dice che sconfisse dopo anni di lotta militare il potente re Sole della Francia, Luigi XIV, il sovrano d’Europa.

In contrasto con l’aristocratico britannico, Hitler era un uomo del popolo. Ha recitato per il popolo tedesco. Il trattato di Versailles aveva smembrato la Germania. Parti della Germania furono confiscate e consegnate alla Francia, Belgio, Danimarca, Polonia e Cecoslovacchia. Dato che la Germania non aveva effettivamente perso la guerra, essendo gli occupanti di territori stranieri quando la Germania accettò un ingannevole armistizio, la perdita di circa 7 milioni di tedeschi in Polonia e Cecoslovacchia, dove i tedeschi furono abusati, non fu considerata un risultato equo.

Il programma di Hitler era di rimettere la Germania di nuovo insieme. Ci è riuscito senza guerra fino a quando non è arrivato in Polonia. Le richieste di Hitler erano giuste e realistiche, ma Churchill, finanziata dal Focus Group condenaro ebraico, esercitò una tale pressione sul primo ministro britannico Chamberlain che Chamberlain intervenne nei negoziati polacco-tedeschi e rilasciò una garanzia britannica alla dittatura militare polacca qualora la Polonia si rifiutasse di rilasciare territorio e popolazioni tedesche.

Gli inglesi non avevano modo di far valere la garanzia, ma la dittatura militare polacca mancava dell’intelligenza per rendersene conto. Di conseguenza, la dittatura polacca rifiutò la richiesta della Germania.

Da questo errore di Chamberlain e dalla stupida dittatura polacca, arrivò l’accordo Ribbentrop / Molotov che la Germania e l’Unione Sovietica avrebbero diviso la Polonia tra loro. Quando Hitler attaccò la Polonia, la Gran Bretagna e gli sfortunati francesi dichiararono guerra alla Germania a causa della inapplicabile garanzia britannica. Ma gli inglesi e i francesi stavano attenti a non dichiarare guerra all’Unione Sovietica che avrebbe occupato la metà orientale della Polonia.

Così la Gran Bretagna fu responsabile della seconda guerra mondiale, dapprima stupidamente interferendo nelle trattative tedesco / polacco, e in secondo luogo dichiarando guerra alla Germania.

Churchill era concentrato sulla guerra con la Germania, che covava da anni prima della guerra. Ma Hitler non voleva nessuna guerra con la Gran Bretagna o con la Francia, e non intendeva invadere la Gran Bretagna. La minaccia di invasione era una chimera evocata da Churchill per unire l’Inghilterra dietro di se. Hitler espresse la sua opinione, sull’impero britannico, pensava che fosse essenziale per l’ordine nel mondo e che in sua assenza gli europei avrebbero perso la loro supremazia mondiale. Dopo la sconfitta tedesca degli eserciti franco-britannico, Hitler offrì una pace straordinariamente generosa alla Gran Bretagna. Ha detto che non voleva nulla dalla Gran Bretagna, ma il ritorno delle colonie della Germania. Ha affidato l’esercito tedesco alla difesa dell’impero britannico e ha detto che avrebbe ricostituito sia gli stati polacchi che quelli cechi e li avrebbe lasciati alla loro discrezione.


Winston Churchill mantenne le offerte di pace di Hitler il più segreto possibile e riuscì nei suoi sforzi a bloccare ogni pace. Churchill voleva la guerrain gran parte, per la sua stessa gloriaFranklin Delano Roosvelt  (*FDR) incoraggiò astutamente Churchill nella sua guerra, ma senza impegnarsi a nome della Gran Bretagna. Roosevelt sapeva che la guerra avrebbe raggiunto il suo scopo di mandare in rovina la Gran Bretagna e distruggere l’Impero britannico, e che il dollaro americano avrebbe ereditato la potente posizione dalla sterlina britannica di essere la valuta di riserva del mondo. 

 
Una volta che Churchill aveva intrappolato la Gran Bretagna in una guerra che non poteva vincere da sola,  Roosevelt iniziò a distribuire aiuti in cambio di prezzi estremamente alti, ad esempio 60 distruttori statunitensi obsoleti e in gran parte inutili per le basi navali britanniche nell’Atlantico. 
Roosevelt ha ritardato il Lend-Lease fino a quando la disperata Gran Bretagnanon ha girato $ 22, 000 milioni di oro britannico più 42 milioni di dollari in oro della Gran Bretagna in Sudafrica
 
Quindi iniziò la vendita forzata di investimenti britannici all’estero. Ad esempio, la Viscose Company di proprietà britannica, che aveva un valore di $ 125 milioninel 1940, non aveva debiti e deteneva $ 40 milioni in titoli di stato, è stata venduta alla House of Morgan per $ 37 milioni. Fu tale atto un furto per gli inglesi che alla fine ottennero circa due terzi del valore della compagnia da consegnare a Washington per il pagamento delle munizioni di guerra. L’aiuto americano fu anche “condizionato dal fatto che la Gran Bretagna smantellasse il sistema di preferenza imperiale ancorato all’accordo di Ottawa del 1932.” PerCordell Hull, l’aiuto americano era “un coltello per aprire quel guscio di ostrica, dell’Impero.” Churchill lo vide arrivare, ma lui era troppo in là per fare qualsiasi cosa tranne Roosevelt sarebbe sbagliato, ha scritto Churchill  a Roosevelt.
Si potrebbe  scrivere un lungo saggio su come Roosevelt ha spogliato la Gran Bretagna dei suoi beni e della sua potenza mondiale. Irving scrive che in un’epoca di statisti gangster, Churchill non aveva la lega di Roosevelt. La sopravvivenza dell’impero britannico non era una priorità per Roosevelt. Considera Churchill come un sempliciotto da spennare, inaffidabile e ubriaco per la maggior parte del tempo. Irving riferisce che la politica di FDR era di pagare quel tanto che bastava per dare a Churchill “il tipo di sostegno che una corda dà a un impiccato. Roosevelt inseguì “la sua sovversione dell’impero per tutto il corso della guerra“. Alla fine Churchill si rese conto che Washington era in guerra con la Gran Bretagna più ferocemente di quanto lo fosse Hitler. La grande ironia era che Hitler aveva offerto a Churchill la pace e la sopravvivenza dell’Impero. Quando fu troppo tardi, Churchill arrivò alla conclusione di Hitler che il conflitto con la Germania è stata la guerra “più inutile” e non necessaria . Anche Pat Buchanan la vede così
 
Hitler proibì il bombardamento di aree civili delle città britanniche. Fu Churchill a dare inizio a questo crimine di guerra, successivamente emulato dagli americani. Churchill ha tenuto segreto il bombardamento britannico dei civili tedeschi al popolo britannico e ha lavorato per impedire il monitoraggio della Croce Rossa dei raid aerei, così nessuno avrebbe saputo che stava bombardando le aree residenziali civili, non la produzione di guerra. Lo scopo del bombardamento di Churchill – le prime bombe incendiarie per impostare tutto l’incendio e poi gli alti esplosivi per impedire ai vigili del fuoco di controllare le fiamme – era di provocare un attacco tedesco a Londra, con cui Churchill avrebbe dovuto poi legare il popolo britannico e creare simpatia negli Stati Uniti e avrebbe aiutato  Churchill a trascinare l’America nella guerra. Un raid britannico ha ucciso 50.000 persone ad Amburgo e un successivo attacco ad Amburgo  ha causato altri 40.000 morti civili. 

Un soldato tedesco applica una medicazione a un civile russo ferito
Churchill ordinò anche che i gas velenosi venissero aggiunti alle bombe incendiarie nelle aree residenziali civili tedesche e che Roma venisse bombardata e ridotta in cenere. La British Air Force ha rifiutato entrambi gli ordini. Alla fine della guerra, gli inglesi e gli americani hanno distrutto la bellissima città barocca di Dresda, bruciando e soffocando 100.000 persone nell’attacco. Dopo mesi di attacchi incendiari alla Germania, inclusa Berlino,Hitler cedette ai suoi generali e rispose con la stessa natura. Churchill è riuscito nel suo intento bellico. La storia divenne il ” London Blitz“, non il blitz britannico della Germania con zero persone nell’attacco.

Come Hitler in Germania, Churchill ha assunto la direzione della guerra. Ha funzionato più come un dittatore  ha ignorato i servizi militari, da primo ministro, i consigli dei leader militari del paese. Entrambi i capi avrebbero potuto essere corretti nella valutazione dai loro ufficiali comandanti, ma Hitler era uno stratega di guerra  migliore di Churchill, al quale non funzionava mai nulla. Alla disgrazia di Gallipoli della prima guerra mondiale di Churchill si aggiunse ora l’introduzione delle truppe britanniche in Norvegia, Grecia, Creta, Siria – tutte decisioni con fallimenti ridicoli – e il fiasco di Dakar. Churchill ha anche acceso i francesi, distruggendo la flotta francese con la morte di 1.600 marinai francesi a causa di un suo  timore, infondato, che Hitler avrebbe violato il trattato con i francesi e avrebbe sequestrato la flotta. Ognuna di queste disavventure Churchilliane avrebbe potuto sfociare in un voto di sfiducia, ma con Chamberlain e Halifax allontanati dal potere non c’era più una leadership alternativa. In effetti, la mancanza di leadership è la ragione per cui né il gabinetto né i militari potevano resistere a Churchill, una persona dalla determinazione ferrea.

Hitler era anche una persona di determinazione ferrea, e con la sua determinazione indossava se stesso e la Germania. Non ha mai voluto la guerra con l’Inghilterra e la Francia. Questa era opera di Churchill, non di Hitler. Come Churchill, aveva dietro se il popolo britannico, pure Hitler aveva il popolo tedesco dalla sua parte, perché rappresentava la Germania che aveva ricostruito dallo stupro e dalla rovina del trattato di Versailles. Ma Hitler, non era un aristocratico come Churchill, ma di origini basse e ordinarie, non ha mai preteso la lealtà di molti ufficiali militari prussiani aristocratici, quelli con il “von” prima del loro nome. Era afflitto da traditori dell’Abwehr, dalla sua intelligence militare, compreso il suo direttore, l’ammiraglio Canaris. Sul fronte russo nell’ultimo anno, Hitler fu tradito da generali che aprirono strade, per l’indifesa Berlino, ai russi.

I peggiori errori di Hitler furono la sua alleanza con l’Italia e la sua decisione di invadere la Russia. Ha anche sbagliato a lasciare che gli inglesi andassero aDunkerque. Li lasciò andare perché non voleva rovinare la possibilità di porre fine alla guerra umiliando gli inglesi con la perdita dell’intero esercito. Ma con Churchill non v’era possibilità di pace. Non distruggendo l’esercito britannico, Hitler aumentò involontariamente la vanagloria di Churchill il quale trasformò l’evacuazione in eroismo britannico con grande volontà di combattenti.

Non è chiaro il motivo per cui Hitler ha invaso la Russia
. Una possibile ragione è informazione scarsa o intenzionalmente ingannevole dell’Abwehr sulle capacità militari russe. Hitler in seguito disse ai suoi associati che non l’avrebbe mai invasa se avesse saputo delle enormi dimensioni dell’esercito russo e della straordinaria capacità dei sovietici di produrre carri armati e aerei. Alcuni storici hanno concluso che la ragione per cui Hitler invase la Russia, fu perché concluse che gli inglesi non avrebbero accettato di porre fine alla guerra e si aspettavano che la Russia entrasse in guerra dalla parte della Gran Bretagna. Pertanto, Hitler ha deciso di escludere questa possibilità conquistando la Russia. Un russo ha scritto che Hitler ha attaccato perché Stalin si stava preparando ad attaccare la Germania. Stalin ha avuto forze considerevoli molto avanti, ma avrebbe più senso aspettare che Stalin aspettasse che l’Occidente si rovinasse nel reciproco salasso, intervenire successivamente per raccogliere tutto se solo lo avesse voluto. O forse Stalin si stava posizionando per occupare parte dell’Europa orientale per porre un cuscinetto tra l’Unione Sovietica e la Germania.

Qualunque sia la ragione dell’invasione, ciò che ha sconfitto Hitler era il primo inverno russo in 30 anni. Ha fermato tutto sulle sue tracce prima che l’accerchiamento ben pianificato e successivo potesse essere completato.L’inverno rigido ha immobilizzato i tedeschi e ha dato a Stalin il tempo di riprendersi.

A causa dell’alleanza di Hitler con Mussolini, a cui mancava un’efficace forza combattente, le risorse necessarie sul fronte russo vennero drenate due volte per salvare l’Italia. A causa delle disavventure di Mussolini, Hitler ha dovuto drenare truppe, carri armati e aerei da combattimento dall’invasione russa per salvare l’Italia in Grecia e nel Nord Africa e occupare Creta. Hitler ha commesso questo errore per lealtà nei confronti di Mussolini. Più tardi nella guerra, quando i contrattacchi russi spingevano i tedeschi fuori dalla Russia, Hitler dovette deviare preziose risorse militari per salvare Mussolini dall’arresto e occupare l’Italia per impedirne la resa. La Germania semplicemente mancava della manodopera e delle risorse militari per combattere su un fronte di 1.000 miglia in Russia, e anche in Grecia e Nord Africa, occupa parte della Francia e difese l’uomo contro un’invasione americana / britannica della Normandia e dell’Italia.

L’esercito tedesco era una magnifica forza combattente, ma fu sopraffatto da troppi fronti, troppa strumentazione e comunicazioni spensierate. I tedeschi non hanno mai capito nonostante molte erano le prove che gli inglesi potessero leggere la loro crittografia. Pertanto, gli sforzi per rifornire Rommel in Nord Africa furono impediti dalla marina britannica.

Irving non si rivolge mai direttamente in nessun libro all’Olocausto. Documenta il massacro di molti ebrei, ma il quadro che emerge dalle prove concrete è che l’olocausto del popolo ebraico era diverso dalla storia ufficiale sionista.

Nessun piano tedesco, o ordini di Hitler, o di Himmler o di chiunque altro, sono mai stati trovati per un olocausto organizzato dal gas e dalla cremazione degli ebrei. Questo è straordinario in quanto un uso così massiccio delle risorse e dei trasporti avrebbe richiesto una massiccia organizzazione, budget e risorse. Documenti mostrano che il piano di Hitler è di ricollocare gli ebrei europei in Madagascar alla fine della guerra. Con il successo dell’invasione russa, il piano viene cambiato e decide di inviare gli ebrei europei ai bolscevichi ebrei della parte orientale della Russia e che Hitler stava per lasciare a Stalin. Ci sono ordini documentati dati da Hitler che impediscono massacri di ebrei. Hitler ha detto più e più volte che “il problema ebraico” sarebbe stato risolto dopo la guerra.

Sembra che la maggior parte dei massacri di ebrei siano stati commessi da amministratori politici tedeschi di territori occupati nell’est cui sono stati inviati ebrei dalla Germania e dalla Francia per il trasferimento. Invece di affrontare l’inconveniente, alcuni amministratori li hanno allineati e sparati in trincee aperte. Altri ebrei caddero vittime della rabbia degli abitanti dei villaggi russi che avevano sofferto a lungo con gli amministratori ebrei bolscevichi.

I “campi di sterminio” erano in effetti campi di lavoroAuschwitz, ad esempio, oggi museo dell’Olocausto, era il sito della fabbrica di gomma artificialeessenziale della Germania. La Germania era alla disperata ricerca di forza lavoro.Una percentuale significativa del lavoro di produzione di guerra tedesco era stata rilasciata all’esercito per riempire i buchi nelle linee tedesche sul fronte russo. I siti di produzione di guerra, come ad esempio Auschwitz, avevano come forza lavoro rifugiati sfollati dalle loro case con la guerra, ebrei da deportare dopo la fine della guerra, e chiunque altro potesse essere costretto a lavorare.La Germania aveva un disperato bisogno di qualsiasi forza lavoro che potesse ottenere.

Ogni campo aveva crematori. Il loro scopo non era quello di sterminare le popolazioni ma di eliminare i morti dal flagello del tifo, delle morti naturali e di altre malattie. I rifugiati venivano da tutte le parti e portavano con sé malattie e germi. Le orribili foto di masse di corpi morti simili a uno scheletro che si dice siano la prova dello sterminio organizzato degli ebrei sono in realtà dei detenuti che sono morti di tifo e di fame negli ultimi giorni della guerra, quando la Germania era disorganizzata e priva di medicine e cibo per campi di lavoro. I grandi nobili vincitori occidentali stessi bombardarono i campi di lavoro e contribuirono alla morte dei detenuti.

I due libri su cui ho riportato un totale di 1.663 pagine, e ci sono altri due volumi della biografia di Churchill. Questa massiccia e documentata informazione storica sembrava destinata a passare nella Fossa della Memoria in quanto incoerente sia con l’auto-giustizia dell’Occidente che con la capitale umana degli storici di corte. I fatti sono troppo costosi per essere conosciuti. Ma gli storici hanno iniziato ad aggiungere ai propri conti le informazioni scoperte da Irving. Ci vuole uno storico coraggioso per lodarlo, ma possono citarlo e plagiarlo.

È incredibile quanta potenza hanno i sionisti nell’OlocaustoNorman Finkelsteinlo chiama The Holocaust Industry . Vi sono ampie prove che gli ebrei e molti altri hanno sofferto, ma i sionisti sostengono che si è trattato di un’esperienza unica limitata agli ebrei.

Nella sua introduzione alla guerra di Hitler Irving riferisce che, nonostante le vendite diffuse del suo libro, l’elogio iniziale degli storici affermati e il fatto che il libro fosse necessario leggere nelle accademie militari da Sandhurst a West Point, “Ho avuto la mia casa distrutta da teppisti, la mia famiglia terrorizzata, il mio nome infangato, i miei stampatori [editori] vengono bombardati e incendiati e e io stesso arrestato e deportato da piccola, democratica Austria—un atto illegale, i loro tribunali hanno deciso, per cui i colpevoli del ministero sono stati puniti; per volere di accademici scontenti e di cittadini influenti [i sionisti], negli anni successivi, fui deportato dal Canada (nel 1992) e rifiutato in Australia, Nuova Zelanda, Italia, Sud Africa e altri paesi civilizzati intorno al mondo. Gruppi affiliati a livello internazionale hanno diffuso lettere ai bibliotecari, implorando che questo libro fosse tolto dai loro scaffali “.

Così tanto per dire del pensiero libero e la verità nel mondo occidentale. Nulla è così poco considerato in Occidente come libero pensiero, libera espressione e verità. In Occidente le spiegazioni sono controllate al fine di far avanzare l’agenda dei gruppi di interesse al potere. Come ha imparato David Irving, guai a chiunque si intrometta.

*****

Fonte:

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse.

 

Inserisci QUI sotto

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.