Il razzismo di Wagner e l’autorazzismo dei Sardi

Studiare fa bene!

Bolognesu: in sardu

017

Il razzismo di Wagner non costituisce uno scandalo.

Il fatto che io sia l’unico a parlarne, sì!

Wagner era razzista come tutti–o quasi–gli Europei del suo tempo.

La Francia, ma soprattutto la Gran Bretagna, si stavano spartendo il mondo, ma, essendo delle democrazie, avevano bisogno  di giustificare il loro imperialismo e colonialismo.

Così, dando una lettura molto interessata alle teorie di Darwin, è nata la cultura razzista: per poter porre la “razza bianca” in cima alla piramide dell’evoluzione e giustificare con la sua superiorità il dominio su altri popoli.

Wagner era un figlio del suo tempo ed era razzista: il moralismo qui è completamente fuori posto.

Ma questo non vuol dire che non si debba denunciare il suo razzismo e le conseguenze deleterie che questo ha avuto sul modo in cui i Sardi vedono se stessi.

E allora riporto qui il brano che tutti gli intellettuali Sardi–con l’unica eccezione di…

View original post 1.228 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...